PROBLEMI LEGATI AL SONNO DOVUTI ALLA STAGIONALITA’

La vita odierna è caratterizzata da orari di lavoro e di vita sociale molto frenetici, sleeping tanto da influenzare in maniera negativa il sonno notturno.
Negli ultimi quindici anni le ore di sonno si sono progressivamente ridotte dalle otto ore alle sei-sette attuali, a causa di uno spostamento dell’inizio del sonno a notte tarda fino ad arrivare alle prime ore del mattino.
Si può a tutti gli effetti parlare di un fenomeno di JET LAG sociale per la necessità di adattare i propri ritmi naturali agli orari convenzionali della vita quotidiana.
Normalmente con questo termine si indica un disturbo che si verifica quando si attraversano vari fusi orari, come avviene nel caso di un lungo viaggio in aereo.
In questi casi, giunti a destinazione si è assonnati, stanchi o confusi.
Il fenomeno è causato da un’alterazione dei normali ritmi circadiani, cosa comune nell’odierna società, con conseguenti ripercussioni sul tono dell’umore e sulle capacità produttive diurne.
Non c’è solo la sonnolenza in agguato, ma anche la mancanza di concentrazione, un senso di sfasamento, stati d’ansia e di depressione.
Per contrastare tutto questo bisognerebbe cercare di non sforzare i propri ritmi.
Un valido aiuto, oltre alla semplice esposizione alla luce diurna, può essere l’uso di melatonina sostanza naturalmente prodotta dal nostro corpo (in questi casi ritardata) che, migliorando i ritmi biologici, fa sì che ci si addormenti più facilmente.
Anche un bicchiere di latte prima di mettersi a letto è un gesto anti-stress, perché questa bevanda contiene triptofano, un aminoacido con naturali proprietà sedative, che agisce sul sistema nervoso centrale ed è coinvolto nella produzione di serotonina. (consigliato anche in ayurveda)
Infine, un rimedio offerto dall’omeopatia è la COFFEA CRUDA, sostanza che agisce sull’insonnia, sull’ansia, sulla cefalea, sui tremori, specie alle dita, ed altro ancora. Un’altra causa di insonnia è l’IPERIDROSI, cioè una sudorazione intensa e frequente, molto comune in questa stagione, ma che può presentarsi tutto l’anno; interessa soprattutto le ghiandole sudoripare ed è causata da un’alterata funzione dell’ipotalamo dovuta a stress psico-emotivi o a processi patologici, come l’ipertiroidismo, le disfunzioni ormonali, l’obesità. Una delle conseguenze di questa possono essere dei fastidiosi crampi muscolari notturni, oltre che formicolii e tachicardia, risolvibili con l’assunzione di magnesio, sotto forma di integratore con il potassio, ma anche con l’alimentazione, essendo presente nei legumi, cereali integrali, soia, frutta fresca e secca.

A cura di Francesca Pinarello
Articolo tratto dalla rivista mensile Farmarca redatta da farmacisti professionisti – www.farmarca.it

Taggato con: , , , , , , ,
Pubblicato in Articoli Utili