Acerola

Denominazione botanica: Malpighia punicifolia L., M. emarginata, M. glabra
Famiglia:  Malpighiacee
Sinonimi: Ciliegia delle Indie occidentali – Nomi stranieri: ingl.- West Indian Cherry, Barbados Cherry; sp.- Escobillo
Parti usate: frutti maturi senza nocciolo
Tempo balsamico: a completa maturazione

PRINCIPI ATTIVI
Vitamina C; vitamina A; tiamina; riboflavina; niacina; calcio; fosforo, ferro, acido malico.
L’acerola è una pianta arbustiva dell’america centrale, originario delle indie occidentali, dalla lenta crescita e dalle medie dimensioni (fino a 5 metri). Predilige i terreni argillosi ricchi di humus che contenendo molte sostanze organiche, è di grande importanza per la vita e la crescita delle piante.I frutti sono delle drupe globose di 1 – 2 centimetri di diametro, di colore rosso vivo assomigliano vagamente alle ciliegie.

PROPRIETA’ del frutto:
La parte edule del frutto contiene circa il 14 % di vitamina C (acido ascorbico e diidroascorbico)

PROPRIETA’ dell’estratto secco:
Complesso vitaminico C: fattore C1 min. 50% (acido ascorbico), fattore C2 (bioflavonoidi come pentaidrossi-3-flavanolo)
Vit.A e vit. del gruppo B in particolare vit. B1, B6, PP
Minerali: in particolare calcio e ferro
Viene ottenuto per concentrazione del succo – Titolo: 50% vitamina C

USO
Integratore di vitamina C
Per innalzare le difese immunitarie, in gravidanza, nelle convalescenze e nei casi di carenza della vitamina C.

Note e avvertenze:
le ricerche tossicologiche confermano che l’acerola non presenta tossicità alle dosi indicate, possiede una notevole sicurezza d’uso e quasi nessun effetto collaterale: uniche controindicazioni iperossaluria e iperacidità gastrica.

 

 

Pubblicato in Erbario